per quelli che la notte ritornano alle tre

•giugno 18, 2008 • 1 commento

E come me hanno l’abitudine di lanciare i vestiti da qualche parte, una volta tolti.
Il primo guardaroba che valorizza il disordine. Presentato al salone satellite 2008: wardrom.

in confronto Lex Luthor è una mammoletta

•giugno 3, 2008 • Lascia un commento

L’idea del ministro Scajola: chi subirà il disturbo psicologico di ospitare una centrale nucleare dovrà essere premiato.
Ah, be’, certo, e verranno anche distribuiti alla popolazione fantastici gadget tipo gli occhialini di protezione antiradiazioni sovietici o la tuta di Star Wars…

vibrazioni a 25 hertz fra scale diminuite, esatonali e superlocrie… Charlie Parker, da lassù, se la ride

•maggio 24, 2008 • 1 commento

33 gradi centigradi serali, colonne di marmo antico, profumo di gelsomini, una platea di carampane e teste con il riporto confezionate in un impeccabile look party bon-ton (ma come, che razza di pubblico, suona sul palco un noto quartetto jazz e questa gente al gelato gusto gianduia che ci fa qui?!). Noi, noi siamo arrivati tardi, stoppati all’ingresso da un tizio meticoloso: invito-tessera della fondazione-documenti e pagella delle elementari, grazie… . Noi, ripieni di filetto alla brace, e di cabernet tutto d’un fiato, arrivati da una frasca in riva al Tevere, siamo arrivati a posti già occupati, e io per non disturbare la fila siedo per terra, dove il chiostro finisce, a terra come un gatto stanco, ma almeno io indosso un top impalpabile ricamato a cordoncino e perline, degno di Joan Baez, e tra un pezzo e l’altro sussurro qualcosa su Mingus, e Monk, distraendo (solo per un attimo, eeeh!) una cotonatissima signora intenta a raccontare alla sua vicina incredibili dettagli di una pedana vibrante in superofferta da Auchan.

the noble art of wasting time (o, se preferite, le grandi domande scientifiche di questo blog)

•maggio 23, 2008 • 3 commenti

Ho appena speso venti minuti della mia vita al telefono con un amico per dibattere il problema di “quanti cubetti di ghiaccio occorrono per raggelare un mojito senza annacquarlo”.

a memoria futura

•marzo 26, 2008 • 3 commenti

Sono due giorni che giro con un golfino morbido lungo coloratissimo d’ispirazione norvegese, jeans, scarpe da vela e nelle tasche questo.
Semmai dovessero girare il ritorno di Pippi Calzelunghe, hanno già la protagonista.

nuove potenziali dipendenze

•marzo 12, 2008 • Lascia un commento

Durante lo sciamannare caotico di questi giorni, due highlight:

– la colonna sonora di My Blueberry Nights con su Norah Jones, Amos Lee, Cat Power, Ry Cooder e Otis Redding e… no, basta, ci sono tutti, scusate.
– i blinis all’arancia, da gustare con miscele pregiate nel salotto del tè russo, combinazione proprio dietro al mio studio.

“siamo riformisti, non di sinistra”

•marzo 5, 2008 • 1 commento

Ha detto Uòlter in un’intervista al quotidiano El Pais.
Ecco, infatti, mi pareva…