vibrazioni a 25 hertz fra scale diminuite, esatonali e superlocrie… Charlie Parker, da lassù, se la ride

33 gradi centigradi serali, colonne di marmo antico, profumo di gelsomini, una platea di carampane e teste con il riporto confezionate in un impeccabile look party bon-ton (ma come, che razza di pubblico, suona sul palco un noto quartetto jazz e questa gente al gelato gusto gianduia che ci fa qui?!). Noi, noi siamo arrivati tardi, stoppati all’ingresso da un tizio meticoloso: invito-tessera della fondazione-documenti e pagella delle elementari, grazie… . Noi, ripieni di filetto alla brace, e di cabernet tutto d’un fiato, arrivati da una frasca in riva al Tevere, siamo arrivati a posti già occupati, e io per non disturbare la fila siedo per terra, dove il chiostro finisce, a terra come un gatto stanco, ma almeno io indosso un top impalpabile ricamato a cordoncino e perline, degno di Joan Baez, e tra un pezzo e l’altro sussurro qualcosa su Mingus, e Monk, distraendo (solo per un attimo, eeeh!) una cotonatissima signora intenta a raccontare alla sua vicina incredibili dettagli di una pedana vibrante in superofferta da Auchan.

Annunci

~ di Vanessa su maggio 24, 2008.

Una Risposta to “vibrazioni a 25 hertz fra scale diminuite, esatonali e superlocrie… Charlie Parker, da lassù, se la ride”

  1. You should take part in a contest for one of the finest websites on the
    web. I’m going to recommend this website!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: