bebop mood

Inizio a cucinare tardi, verso le nove e mezza. Sbatto le uova con il parmigiano, mischio la carne macinata con pepe, sale, prezzemolo. Non ho la patata bollita, ma fa lo stesso. Le prime polpettine le appadello sui primi solchi di Billie’s Bounce; il sax alto di Bird ci da dentro. Tre minuti e quarantuno secondi di pura fantasia strumentale. Amalgamando l’impasto la forchetta segue il ritmo: salta dalla scodella, tintinna sulla caffettiera, e dal bicchiere va al bordo del piatto. Polpette perfettamente sferiche. Impanate ed appoggiate nell’ovale da portata, pronte per la frittura. La tromba di Gillespie dirige l’allineamento. The Charlie Parker Story [live] è un disco che inevitabilmente ti prende, ti catapulta sul palco di uno di quei club scuri e fumosi della 52° Strada nei primi anni del bebop e… oh, capace che ti giri e vedi Baby Laurence che balla il tip-tap sul parquet del tuo salotto.

Annunci

~ di Vanessa su giugno 20, 2007.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: